Dalle stelle a Busalla per il Festival dello Spazio

 

Incentrata sulla ricorrenza del venticinquesimo anniversario del lancio nello spazio del primo astronauta italiano Franco Malerba, cittadino di Busalla, questa edizione “0” del Festival dello Spazio dedica una mezza giornata d’anteprima al lancio del Soyuz dal Kazakhstan verso la Stazione Spaziale Internazionale con l’astronauta italiano Paolo Nespoli dell’ESA a bordo.

Ad aprire il Festival sarà l’incontro con Malerba La Stazione Spaziale Internazionale. Vita e miracoli del più straordinario laboratorio di ricerca nello spazio. Nel suo intervento introduttivo, previsto a Villa Borzino alle 15:00, l’astronauta descriverà la storia, la struttura fisica, le ricerche in atto e le prospettive di una meraviglia tecnologica dedicata alla ricerca scientifica che si trova in orbita terrestre bassa, gestita come progetto congiunto da cinque diverse agenzie spaziali.

A seguire, la relazione di Fabio Massimo Grimaldi, presidente di ALTEC, il centro di eccellenza italiano per la fornitura di servizi ingegneristici e logistici a supporto delle operazioni e dell’utilizzazione della Stazione Spaziale.

Dopo una video-visita della Stazione, il momento clou di questa eccezionale anteprima: intorno alle 16:30 è previsto infatti il collegamento in diretta con Paolo Nespoli a Baikonour nel giorno della vigilia del suo lancio. L’astronauta converserà con Malerba e gli altri “esperti” presenti a Busalla e risponderà alle domande del pubblico.

L’intervento di Sara Piccirillo dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) racconterà quindi contenuti e obiettivi della missione VITA di Nespoli, che è membro di questa spedizione 52-53 in qualità di ingegnere di volo grazie al Memorandum of Understanding stipulato vent’anni fa tra la NASA e l’ASI.

Con l’intervento di Gianni Ciofani dell’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia) l’attenzione si sposterà sulla “nanoceria”, cioè a dire su delle nanoparticelle che hanno dato promettenti risultati nel trattamento del morbo di Parkinson e dell’obesità, e che in occasione della missione VITA verranno portate per la prima volta nello spazio.

Intorno alle 18:00, il cortometraggio La terra vista dalla Stazione Spaziale Internazionale chiuderà la programmazione di questa intensa giornata di anteprima a Villa Borzino. Ma le iniziative del Festival non si fermeranno. Più o meno alla stessa ora, Busalla aprirà infatti i festeggiamenti del Festival con la Serata spaziale: tutto il paese in festa con negozi aperti e la fiera di Santa Marta per la prima volta in notturna (lungo l’argine del fiume Scrivia). Ma anche una notte di musica e di luci lungo le vie cittadine, con l’apertura straordinaria degli esercizi commerciali, arricchiti da vetrine e gadget “spaziali” inventati ad hoc.

In serata, alle 21:00 nello “Spazio cinema” della “Biblioteca Bertha Von Suttner” (via Chiappa, 1), avrà luogo, infine, la proiezione del “classico dei classici” fra i film a tematica aero-spaziale, il capolavoro di Stanley Kubrick 2001 Odissea nello spazio.

COMUNICATO  STAMPA DEL  COMUNE DI  BUSALLA 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*