Chiaverano: nuova edizione del premio Oasis PhotoContest

Chiaverano - chiesa di san Silvestro © 24Cinque
Chiaverano – chiesa di san Silvestro
© 24Cinque

 

L’ Anfiteatro  Morenico d’Ivrea è il più grande d’Europa e per risalire alla sua formazione bisogna ripercorrere le ere geologiche fino ad arrivare al Quaternario: fu  allora che il ghiacciaio Balteo avanzò verso  la pianura trasportando i sedimenti che lì sarebbero  rimasti dopo  la sua regressione.

In Val d’Aosta, invece, il ghiacciaio modellò quello  che sarebbe stato il percorso della Dora Baltea.

In provincia di  Torino, incastonato  nell’Anfiteatro Morenico  d’Invrea, sorge la cittadina di  Chiaverano: qui  la storia è quella delle prime popolazioni che, da cacciatori qual erano, si  trasformarono in agricoltori, dando  origine ai primi insediamenti che, con il passare del  tempo, si  sarebbero trasformati storicamente nei paesi  che oggi  conosciamo.

Questa lenta e progressiva trasformazione è testimoniata dalla presenza di fortificazioni e chiese che ancora oggi  si integrano  perfettamente con l’ambiente naturale.

Di questo  felice connubio  ne fa parte il lago  Sirio, compreso  fra i Cinque laghi d’Ivrea, riconosciuto dalla Regione Piemonte come zona di rilevante interessante ambientale.

Sentieri  dei  Cinque Laghi – PdF

Il lago  Sirio, compreso  tra i  comuni  di  Chiaverano  ed Ivrea, non ha corsi  d’acqua che sfociano in esso, per cui  si ipotizza che venga alimentato da sorgenti  subacquee, è il più grande fra i cinque laghi (gli  altri  sono il Pistono, Nero, di Campagna e San Michele) ed è balneabile: questo  ha costituito  lo  sviluppo di  attività turistiche con la presenza di  aree di  campeggio, punti  di  ristorazione e strutture sportive.

A questo punto  è facile comprendere come Chiaverano  sia diventato un vero  e proprio  laboratorio turistico  ambientale tanto  che, in collaborazione con la rivista di fotonaturalismo  Oasis, ospita il Premio Internazionale di  Fotografia Naturalistica Oasis Photo Contest arrivato  alla sua 13° edizione (termine per l’iscrizione: 28 febbraio 2017).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*