Archeologia in Arabia Saudita

 

Harrat Khaybar Space.jpg
Immagine satellitare dell’Harrat Khaybar ripresa dalla Stazione Spaziale Internazionale durante la 16° missione

 

Sappiamo  che le famose Linee di  Nazca sono osservabili  nel loro  stupefacente insieme solo  all’alto, per tanto, considerando l’epoca in cui vennero  tracciate, tra il 300 a.C. ed il 500 d.C., si  ritiene un mistero di  come la popolazione di  allora possa averle realizzate.

Molte più antiche ed enigmatiche,  sono  altre strutture sorte migliaia di  anni  fa in Medio  Oriente: esse rappresentano  varie forme geometriche, per lo più raffiguranti circoli.

Le leggende della cultura beduina parlano degli  Antichi  uomini  come costruttori di esse, mentre sul  loro  utilizzo  gli  archeologi  ancora non si  sbilanciano ipotizzando il loro  uso  come recinti  cultuali o cimiteri.

In passato  gli  archeologi disponevano  per le loro ricerche solo  di  alcune immagini  aeree comprese in un periodo  tra la fine della Prima guerra mondiale  e la metà degli  anni ’50. Nel 1995 il presidente Bill Clinton  declassificò documenti  della CIA contenenti  immagini  satellitare del  Medio Oriente, tra le quali vi  erano anche quelle riguardanti i siti  d’interesse per gli  scienziati.

Oggi  è la tecnologia offerta da Google Earth che permette visualizzazioni  di immagini  molto più accurate.

Inoltre essendo Google Earth, insieme a Bing Maps, tecnologie usufruibili  da tutti, ecco  che anche appassionati  di  archeologia (sarebbe ingiusto  chiamarli  dilettanti  preferendo a questo  termine quello  di  amatori)  sono  scesi in campo  per dare una mano  ai ricercatori.

Così il dottor Abdullah al-Sa’eed ed i  suoi  colleghi  hanno dato  vita al  The Desert team con sede a Riyadh. Utilizzando  le immagini  ad alta definizione di  Google Earth, hanno  esplorato un enorme campo  di  lava posto nell’Arabia Saudita occidentale: l’Harrat Khaybar .

Questa esplorazione a distanza portò alla scoperta di innumerevoli  strutture fino  ad allora sconosciute.

La questione però è un’altra e, cioè, che le immagini  fornite da Google Earth  (e Bing Maps9  sono pur sempre bidimensionali e il loro ingrandimento, se pur alla massima risoluzione, non è sempre dettagliato per cui  la ripresa aerea rimane sempre un’opzione valida per la ricerca scientifica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*